Mostra Matematica‎ > ‎Conicografi‎ > ‎

ellissografo

 COME
Per disegnare un’ellisse si piantano due chiodi su una tavola piana.
Si legano le estremità di un filo a ai due chiodi e si fa scorrere la punta di un lapis tenendo il filo in tensione. Si otterrà il disegno di una ellisse.
Questo metodo è detto “del giardiniere” perché viene utilizzato per disegnare le aiuole.

 

 

 PERCHE'
In un ellisse la somma della distanza di ogni suo punto dai due punti fissi sul piano ( fuochi ) è costante:PF1+PF2=k
Quindi facendo scorrere un lapis lungo un filo di lunghezza K che collega i due fuochi si riesce a tracciare una serie di punti che rispettano le condizioni per essere definiti punti di un ellisse.

 
 
ALTRO

La forma ellittica è impiegata frequentemente nell'architettura romana, in particolare nella pianta delle arene.


 

Il grande impiego della forma ellittica è tipico del periodo Barocco (dall'inizio del XVII Sec.).
La si trova ovunque, negli ambiti più disparati delle arti, dall'urbanistica alla produzione del mobilio, dalla ceramica all'orologeria.
Si tratta di un vero simbolo di un'epoca ed ha evidenti legami con le teorie di Keplero che descrivono come ellittiche le orbite dei pianeti.



 

 

Questa è la pianta della chiesa di Sant'Andrea al Quirinale (1658) a Roma, opera di Gian Lorenzo Bernini

__________________________________________________

Piazza San Pietro a Roma, progettata da Gian Lorenzo Bernini, ha la parte terminale del colonnato di forma ellittica. I fuochi dell'ellisse sono evidenziati sulla pavimentazione. Ponendosi in quel punto e osservando la parte più vicina del colonnato si può notare l'allineamento delle colonne

  





 
Comments