ARCHIMEDE


Archimede  (Siracusa,  287 a.C.– 212 a.C., circa) è stato un matematico, ingegnere, fisico e inventore greco antico.È uno dei massimi scienziati della storia.

Ques'anno si celebra il 2300-esimo anniversario della sua nascita.
Archimede fu conosciuto e ammirato sia dai suoi contemporanei e sia dai posteri. La sua fama arriva intatta fino ai giorni nostri. Aneddoti e leggende sopravvivono ancora, come
la soluzione del problema della corona di Gerone scoperta nella vasca da bagno e annunciata dal grido Eureka! o l’uso degli specchi ustori in grado di incenerire le navi nemiche dei Romani, nell'assedio di Siracusa.
I campi di interesse di Archimede erano vastissimi.
Citiamo qualche esempio delle sue opere:

  • Sulla sfera e il cilindro (si dimostra che la sfera è i 2/3 del cilindro ad essa circoscritto e che la superficie sferica è pari a quattro cerchi massimi)
  • Misura del cerchio (si dimostra che il cerchio è uguale al triangolo rettangolo avente per cateti il raggio e la circonferenza rettificata e che il rapporto tra la circonferenza e il diametro deve essere compreso tra 3+10/71 e 3+1/7)
  • Sui conoidi e gli sferoidisi (si studiano il paraboloide e iperboloide di rivoluzione e gli ellissoidi)
  • Sulle spirali
  • Sull’equilibrio dei piani
  • Arenario (si propone un sistema di numerazione in grado di rappresentare numeri grandissimi, come il numero dei granelli di sabbia che possono essere contenuti in una sfera grande quanto l’universo)
  • Quadratura della parabola (si dimostra che un segmento parabolico è i 4/3 del triangolo inscritto avente uguale base e uguale altezza)
  • Sui galleggianti (si enuncia il principio idrostatico oggi noto come “principio diArchimede” )
  • Stomachion (si studia il problema di dividere un quadrato o un rettangolo in 14 parti tra loro commensurabili)
  • Sul metodo meccanico (si illustrano varie tecniche  usate da Archimede per determinare molti dei risultati presenti in varie sue  opere)
La ricostruzione delle biografie dei matematici greci è spesso ardua, se non impossibile, per la mancanza di fonti storiche attendibili, ma nel caso di Archimede la sua vita si intreccia con la storia della seconda guerra punica, in particolare con la caduta di Siracusa del 212 a.C. . Gli storici ci hanno tramandato di come Archimede avesse assunto la difesa militare della città cinta d’assedio. Grazie ai  congegni messi a punto da Archimede, Siracusa riuscì a resistere ben oltre le aspettative dei Romani.
Anche la sua morte è entrata nella leggenda.
Durante l'assedio di Siracusa, Archimede era  talmente assorto negli studi  da non accorgersi di quanto stava accadendo attorno a lui e , nonostante il comandante romano  Marcello avesse ordinato di salvargli la vita, venne ucciso da un soldato romano che non lo riconobbe.



Ecco qualche esempio delle sue opere:



Link a siti 
Rudimatematici: Archimede